Sbriciolata ricotta e Fiordifrutta

da Antonia Semeraro, Fiordifrutta, Dolce
  • Livello
    Basso
  • Durata
    25-30 min. (preparazione)
    35-40 min. (cottura)
  • Dosi
    8 persone

INGREDIENTI

  • 400 gr | farina 00
  • 200 gr | zucchero
  • 130 gr | burro
  • 1 | uovo
  • 1 | tuorlo
  • 400 gr | ricotta
  • 180 gr | marmellata ai frutti di bosco
  • 5 gr | lievito in polvere per dolci

PREPARAZIONE

Preparare la frolla : Mettere insieme la farina, 100 gr di zucchero e il lievito. Il burro deve essere a temperatura ambiente. Sbriciolatelo con le mani all’interno della farina fino a quando sarà completamente sabbioso.

Aggiungere l’uovo e il tuorlo ed amalgamare con le mani fino a quando l’impasto sarà compatto.

Importante: questo impasto non risulterà mai compatto ma un pò sbriciolato. Non preoccupatevi compattatelo il più possibile avvolgetelo nella pellicola trasparente e mettetelo in frigo per un’ora.

Ridurre in crema la ricotta ed aggiungere 100 gr di zucchero.

Trascorsa l’ora prendere dal frigorifero il composto rivestire di carta forno la teglia e distribuire poco più di metà dell’impasto sul fondo e sui bordi della teglia.
Sul fondo compattare l’impasto con le mani; distribuire la ricotta e la marmellata e sbriciolare con le mani il restante composto sulla superficie della torta coprendola uniformemente.

Infornare a 180 gradi forno statico per circa 35 – 40 minuti fino a quando sarà ben dorata.Lasciare raffreddare e gustare la buonissima sbriciolata alla ricotta e marmellata ai frutti di bosco.

Se resistete a non mangiarla tutta potete conservarla in frigo per circa quattro giorni!

Antonia Semeraro
Ricetta a cura di

Antonia Semeraro

Mi chiamo Tonia figlia degli anni settanta….nata e cresciuta in Puglia ..abbandono la mia terra a 24 anni per la città della Madunina .. e poi a 28 mi trasferisco nella Terra dei Contrasti la meravigliosamente bella Palermo, città nella quale oggi vivo con l’uomo della mia vita e mia figlia .
Nella vita non mi occupo di cucina tutt’altro… ho studiato matematica e lavoro in un’azienda di software. Amo viaggiare integrandomi con la gente del posto gustandone la cucina, apprezzandone le tradizioni e i costumi.
Curiosa… per alcuni molto curiosa…io ritengo quel tanto che basta per sperimentare in cucina sempre idee nuove.
Amo cucinare per mio marito per i miei amici per chiunque viene a trovarmi. Amo inventare piatti particolari mettere insieme sapori diversi, odori, colori. Amo cucinare perché cucinare regala la pace dei sensi.
La mia cucina nasce dalla tradizione pugliese con la quale sono cresciuta e l’influenza siciliana nella quale sono quotidianamente calata.

TOP