Ovetti Ripieni

da Sabrina Pignataro, Fiordifrutta, Dolce
  • Livello
    Medio
  • Durata
    n/d min. (preparazione)
    n/d min. (cottura)
  • Dosi
    20 ovetti

INGREDIENTI

  • 3 | quadrotti di cioccolato da copertura fondente
  • 5 | biscotti secchi tp privolat
  • 2 cucchiai | Fiordifrutta alla ciliegia Rigoni di Asiago
  • 2 cucchiaini | di liquore (non per ovetti per bambini)

PREPARAZIONE

Prima di tutto, temperare il cioccolato (tecnica che serve per far si che il cioccolato risulti bello lucido).

Basta farlo sciogliere a bagnomaria a 45° (controllare la temperatura con il termometro) facendo attenzione che l’acqua non tocchi il contenitore del cioccolato.
Poi bisogna far scendere la temperatura a 27° o lavorare il cioccolato sul piano di marmo.

E di nuovo sui fornelli per riportare il cioccolato alla temperatura di 31°.

Adesso il temperaggio è avvenuto.

Nel frattempo preparare il ripieno sbriciolando molto finemente i biscotti, aggiungere la marmellata (a piacere anche due cucchiaini di liquore).
Adesso armiamoci di tanta pazienza, comincia la parte divertente: bisogna mettere il cioccolato fuso nello stampo.

Ho passato un foglio di carta da cucina bagnato con dell’olio di semi in ogni stampino.

Con un cucchiaino disporre il cioccolato negli stampini facendo in modo che si distribuisca ovunque ma non oltre il bordo.

Mettere gli stampini in frigo così da velocizzare i tempi.

Riprendere i mezzi ovetti e versare in ognuno un pò della crema di biscotto e ciliegia, livellare con una spatolina, quindi versare altro cioccolato fuso a formare la base che chiude l’ovetto.

Mettere in frigo.
Dopo pochi minuti gli ovetti sono pronti per essere sformati.

Sabrina Pignataro
Ricetta a cura di

Sabrina Pignataro

Delizie & Confidenze non è solo un blog, ma la mia “casa virtuale” dove raccontare e raccontarmi attraverso la grande arte culinaria, con piatti sani e colorati, e ricette per tutte le cucine.
Pasticciare ai fornelli per innovare piatti tradizionali, sperimentare e trovare nuove combinazioni di sapori, è ciò che amo fare da sempre, è ciò che mi fa star bene. Credo che ancor prima di imparare a scrivere il mio nome, ho imparato a usare una frusta a mano! La mia maestra più importante è stata la mia mamma: da lei ho ereditato le ricette tradizionali della mia famiglia, che vanno dai sapori della cucina ciociara a quelli della cucina lucana.

TOP

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per raccogliere dati statistici e per consentire la fruizione di contenuti multimediali.
Se vuoi saperne di più, o modificare le impostazioni sui cookies (fino ad escluderne eventualmente l’installazione), premi qui.
Proseguendo nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie.