Mini galette alle fragole e mandorle

da Serena Bri, Mielbio, Dolce
  • Livello
    Basso
  • Durata
    30 min. (preparazione)
    25 min. (cottura)
  • Dosi
    -

INGREDIENTI

  • 100 g di farina semintegrale
  • 50 g di burro freddo
  • 15 g di zucchero semolato
  • 30 g di acqua fredda
  • pizzico di sale
  • 150 g di fragole fresche
  • 25 g di zucchero di canna
  • 15 g di farina di mandorle
  • 15 g di Mielbio Fiori di Rigoni di Asiago
  • latte q.b.

PREPARAZIONE

Per fare le mini galette alle fragole e mandorle con glassa cominciate dall’impasto. Radunate in una ciotola farina, zucchero, il pizzico di sale e mescolate. Unite il burro a pezzettini e lavorate gli ingredienti con le dita per ottenere un composto sbricioloso. Aggiungete quindi l’acqua e impastate fino a ottenere un impasto compatto. Avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare in frigorifero per mezz’ora. Riprendete l’impasto dividetelo in quattro porzioni, più o meno dello stesso peso. Stendetele su carta forno a uno spessore di circa 3 mm. Spolverate la base con la farina di mandorle lasciando un paio di centimetri dal bordo puliti. Lavate, asciugate, e tagliate a fettine le fragole. Adagiate le fettine di fragole nel centro della galette sopra la farina di mandorle. Ripiegate il lembi verso il centro all’interno della galette per creare la cornice, facendo delle piccole pieghe. In una ciotola mescolate il miele (io Mielbio – Fiori di Rigoni) con un cucchiaio di acqua calda. Con un pennello glassate le fragole. Cospargete le galette con scaglie di mandorle. Infornate nel forno precedentemente scaldato e cuocete a 190° per 25 minuti. Fate raffreddare prima di consumarle. E’ consigliato consumarle entro il giorno successivo.

Serena Bri
Ricetta a cura di

Serena Bri

Ho una formazione giuridica confluita in un titolo di avvocato ma la passione per la cucina è nei miei geni, un’eredità di famiglia avendo un padre cuoco e una madre che ha fatto della cucina sana e semplice un principio di vita.

E’ così che sin da piccola pasticciare è stato prima un gioco diventato più in là nel tempo vero diletto: sperimentazione, libera interpretazione di ricette prese dai diversi libri di cucina, scovate su internet o viste in tv, tramandate da familiari, suggerite da amici: ogni spunto è valido per provare una nuova ricetta.

Negli anni sospinta dalla mia innata curiosità ho acquistato e letto libri, anche più tecnici, per documentarmi, apprendere e migliorare perchè non si finisce mai d’imparare.. ma in realtà cucinare per me non significa eseguire ricette alla perfezione è piuttosto un’espressione d’amore rivolta alle persone intorno a me, a quelle che tengo nel cuore.

Nonostante ciò questo blog non è nato da una mia idea, è un regalo di Paolo che ringrazio per avermi esortato e stimolato a trasformare un semplice hobby in una passione concreta diventata per me “un’isola felice” nella quale rifugiarmi per dare spazio a fantasia e creatività.

Mi affaccio timidamente a questo “mondo di cuciniere on line” senza alcuna presunzione ma con il solo intento di condividere i miei esperimenti con quanti come me si dilettano a cimentarsi in alchimie culinarie, se la cucina è la vostra passione allora salite a bordo: “Keep calm and let’s start cooking”!

Sono membro e Rappresentante regione Lazio per AIFB – Associazione Italiana Food Blogger, se volete sapere qualcosa di più su di me leggete la mia presentazione sul sito AIFB.

TOP