Cake al mascarpone e Fiordifrutta Mirtilli rossi

da Monica Vallan, Fiordifrutta, Dolce
  • Livello
    Basso
  • Durata
    20 min. (preparazione)
    50 min. (cottura)
  • Dosi
    6-8

INGREDIENTI

  • 250 g di farina 00
  • 200 g di burro morbido + q.b. per lo stampo
  • 200g di panna
  • 160 g di uova
  • 100 g di mascarpone
  • 150 g di zucchero
  • 10 g di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale
  • 300 g di Fiordifrutta mirtilli rossi

PREPARAZIONE

Accendete il forno e portatelo alla temperatura di 200°. Imburrate e infarinate uno stampo da plumcake. Montate il burro con lo zucchero e un pizzico di sale. Unite a poco a poco le uova leggermente sbattute.

Aggiungete a poco a poco la farina setacciata con il lievito, alternandola con il mascarpone e la panna; mescolate fino ad ottenere un impasto morbido ed omogeneo. Trasferite il composto nello stampo e versate sulla superficie Fiordifrutta mirtilli rossi; con l’aiuto di un coltello fate penetrare la Fiordifrutta all’interno, con dei movimenti ondulatori.

Incidete la parte superiore del dolce con un coltello precedentemente immerso nel burro fuso. Infornate e cuocete per 15 minuti a 200°; abbassate la temperatura a 175° e cuocete altri 40/50 min. Togliete lo stampo dal forno, lasciate intiepidire e sformate.

Fate raffreddare su una gratella prima di servire.

Monica Vallan
Ricetta a cura di

Monica Vallan

Il mio nome è Monica, vivo a Milano e se dovessi pensare al momento in cui è nata la mia passione per la cucina sarebbe sicuramente questo, nella cucina della mia adorata nonna in un delizioso paese della provincia di Modena. Dopo numerose esperienze lavorative nel mondo della pubblicità e della comunicazione, nel 2017 ho deciso di aprire questo blog grazie all’incitamento dei miei due figli e dei miei amici, per condividere con voi i piatti che solitamente cucino loro. Ricette della tradizione culinaria italiana ma con un tocco in più, ricette ricercate ma facili da fare, ricette di altre culture, tutte accompagnate da una descrizione precisa e illustrate con numerose immagini che realizzo personalmente per facilitarne la realizzazione. Sono curiosa, mi piace imparare cose nuove e così ogni tanto mi dedico alla sperimentazione di piatti con ingredienti non comuni che i miei ragazzi, le cavie di casa, sono “costretti” ad assaggiare e giudicare. Cerco di curare al meglio la presentazione dei piatti e l’allestimento della tavola, mi diverte e sono convinta che anche un pasto molto semplice ma ben presentato e una tavola ben apparecchiata possano fare di un rito quotidiano un’esperienza piacevole e gratificante che dona buonumore e positività. Ed è proprio questa positività che cerco di trasmettere in quello che cucino, con sorriso e gioia come ingredienti principali.

TOP